Ringraziando il cuore
Un'iniziativa del Percento culturale Migros in occasione dell'Anno europeo del Volontariato


Testimonial di «Grazie al cuore!»

Queste personalità sostengono «Grazie al cuore!» fin dall'inizio e ringraziano le persone impegnate in attività di volontariato al di fuori di un'organizzazione:

Alain Morisod

«Sintetizzando si può affermare che nella vita o si ha il tempo... o si ha il denaro! Raramente le due cose vanno insieme... E spesso chi ha il tempo non ha il denaro, mentre chi ha il denaro non ha mai il tempo!

Questa è dunque una gradita occasione per ringraziare calorosamente gli uni e gli altri, con una menzione particolare a tutte le persone che si mettono gratuitamente a disposizione del prossimo.

Il volontariato è infatti un segno di altruismo e benevolenza, due sentimenti che andrebbero rafforzati nella nostra società purtroppo dominata dall'individualismo...»

Alain Morisod, compositore


Ariella Kaeslin

«Dietro una donna di successo di solito ci sono tante persone che hanno contribuito al suo successo. Queste persone mi sostengono con discrezione, senza apparire, sempre al mio fianco in ogni occasione. Mi è particolarmente gradita l’occasione per ringraziarle del loro aiuto incondizionato. Grazie di cuore!»  

Ariella Kaeslin, atleta di ginnastica artistica e «sportiva dell’anno»

 

Foto: www.cellanova.ch

Daniel Albrecht

«Le persone che praticano il volontariato sono come angeli che ti aiutano con le loro ali, quando le tue hanno disimparato a volare. Dal mio brutto incidente a Kitzbühel, so molto bene cosa significa non essere più autosufficienti. Fortunatamente, nel mio difficile percorso di ricupero numerose persone mi hanno aiutato spontaneamente. Senza di loro non sarei arrivato al punto al quale sono adesso. Per questo motivo, nel limite del possibile, anch’io cerco di rendermi utile. E mi farebbe molto piacere, se tutti dessimo il nostro contributo.»

Daniel Albrecht, sciatore

 

Didier Cuche

«Desidero ringraziare le numerose persone che negli ultimi 36 anni mi hanno aiutato, senza chiedere nulla in cambio. Non sarei mai riuscito a scalare la classifica mondiale, se da piccolo non avessi avuto chi mi allenava o mi portava alle gare a titolo gratuito. Ma anche oggi non potrei essere un professionista dello sci, se non ci fossero i volontari che si mettono a disposizione per l’organizzazione di una gara di Coppa del mondo.
Per questo motivo cerco di contraccambiare in qualche modo, offrendo il mio aiuto ad altre persone. La mia ex collega di squadra Sylviane Berthod è impegnata a favore degli orfani. E io sono orgoglioso di sostenere questa sua attività.
Ognuno di noi dovrebbe considerare che per avere un mondo migliore dobbiamo aiutarci reciprocamente.»

Didier Cuche, sciatore e «Sportivo dell’anno»

Hansjörg Walter

Grazie a Margrit Messmer, 9546 Tuttwil

«Cara Margrit,

nei tuoi numerosi viaggi ti sei resa conto che qui in Svizzera viviamo in un paradiso! La miseria del Terzo Mondo ti ha scosso profondamente, tanto da indurti a impegnare anima e corpo a favore dei più poveri. E hai fatto molto. Hai iniziato là dove la miseria era più grande. Con altruismo, hai raccolto fondi, vestiti, macchine per cucire e perfino le attrezzature per uno studio dentistico. Grazie al tuo impegno sono stati costruiti un ospedale e alcune scuole. Grazie alla tua collaborazione è stato possibile finanziare la formazione di numerosi giovani intelligenti. Grazie al tuo aiuto e ai tuoi insegnamenti, queste persone ora sanno provvedere a se stesse, coltivando la terra e allevando qualche maiale. E questo è stato solo l’inizio. Il tuo impegno è davvero notevole e per questo ti meriti un grande grazie da parte mia e da parte di tutti noi!» 

Consigliere nazionale Hansjörg Walter, presidente Unione Svizzera dei Contadini, Wängi/TG

Jörg Schneider

«Care volontarie e cari volontari,

è davvero tempo di esprimervi un grande grazie per tutto ciò che state facendo in forma pubblica e spesso anche dietro le quinte.
Non contano solo le grandi cose, le donazioni in denaro, le ore di lavoro prestate a titolo gratuito, ma anche l’ascolto, un piccolo gesto, la sensibilità di capire che una persona ha bisogno del vostro aiuto. Percepire ed ascoltare con il cuore ed essere pronti a mettersi al servizio del prossimo, a collaborare all’interno di un gruppo, a favore di un progetto, a svolgere attività di volontariato, un impegno troppo spesso non sufficientemente apprezzato dalla nostra società.
Desidero pertanto unirmi a coloro che finalmente vi esprimono un grande grazie di tutto cuore.» 

Jörg Schneider, attore popolare

Kilian Wenger

 

«Lo sport così come lo conosciamo in Svizzera esiste solo grazie a voi che vi mettete a disposizione gratuitamente. Grazie davvero!»

Kilian Wenger, re della lotta svizzera

 

Melanie Oesch

«Credo che non esista cosa più bella dell’impegno – spontaneo e disinteressato – a favore delle persone in difficoltà. 
Chi pratica volontariato è come un nume protettore, invisibile ma sempre presente, un angelo custode. A coloro che con tanta abnegazione si mettono a disposizione a favore di chi è nel bisogno, esprimo un grande grazie, di tutto cuore!»

Melanie Oesch, interprete di musica popolare

Nadja Schildknecht

 

«Ringrazio tutte le persone che si sono messe a disposizione gratuitamente e senza risparmiarsi per il Festival del film di Zurigo. Ognuna di loro ha dato un contributo personale alla buona riuscita del festival. È molto confortante sapere che così tante persone credono in noi e ci sostengono, impegnandosi con tutte le loro energie. Il mio ringraziamento non sarà mai abbastanza per quello che fanno.

Di tutto cuore,

Nadja Schildknecht»

direzione Zurich Film Festival

 

 

Otto Ineichen

Otto Ineichen ha sostenuto la nostra iniziativa con la citazione seguente. Grazie al suo grande impegno sociale, oltre ad essere stato un profondo arricchimento per la Svizzera, rimarrà per sempre un esempio per le persone che si assumono responsabilità nei confronti del prossimo.

«Ringrazio le svizzere e gli svizzeri che svolgono attività di volontariato a favore del prossimo, senza chiedere nulla in cambio. Questo impegno richiede molta energia e un notevole investimento di tempo, ed è molto prezioso per la Svizzera.»

Otto Ineichen, imprenditore

Pascale Bruderer Wyss

«Il volontariato merita di essere apprezzato e riconosciuto, quale pilastro fondamentale del nostro convivere all'interno della società.
E non si tratta solo dell’attività svolta dalle organizzazioni e associazioni del ramo. Per un gran numero di individui, il volontariato è parte integrante della vita quotidiana: le cure prestate ai familiari, l'impegno a livello di vicinato, a favore degli handicappati o in altre attività per il bene comune.
Colgo l’occasione per esprimere il mio sentito ringraziamento a tutte queste persone: grazie per la vostra disponibilità, per l’impegno e per la solidarietà!»

Pascale Bruderer Wyss, presidente del Consiglio nazionale 2009/10

Patrizia Pesenti

"Il volontariato, inteso come tutto ciò che facciamo per aiutare gli altri e anche i nostri familiari, è prezioso, anzi letteralmente impagabile, nel senso che mai una società riuscirebbe a remunerare tutto quanto viene fatto.
Pensiamo al volontariato e ci viene in mente quello inserito nelle organizzazioni. Ma c’è anche un volontariato silenzioso e invisibile, non misurato dalla statistica, non organizzato. Anch’esso è fatto di amore e di sollecitudine, per i nostri familiari, i nostri amici, i vicini: per chi ha bisogno di una mano, per chi soffre, per chi non ce la fa da solo.
Genera bene in chi riceve, dà serenità a chi questo bene lo fa. Essere disposti a dare senza aspettarsi nulla in cambio é quello che ci rende grandi."

Patrizia Pesenti, ex Consigliera di Stato, Direttrice del Dipartimento Sanità e Socialità del Cantone Ticino

René Prêtre

«Ricevendo il premio di ‹Svizzero dell'anno›, mi ero paragonato al milite ignoto: come lui, mi consideravo scelto a caso tra la massa silenziosa di cittadini e cittadine che lavorano ogni giorno con altrettanta serietà e dedizione. E proprio queste persone – meritevoli quanto il sottoscritto – desidero ringraziare ancora una volta, poiché sono loro che fanno funzionare questo paese, sono loro che gli infondono forza e coraggio. Tra queste persone, alcune si dedicano quotidianamente all’aiuto al prossimo, prestando assistenza o impegnandosi per una buona causa. Sono queste attività di volontariato che rendono il nostro paese più generoso, che gli infondono una buona dose di idealismo. A queste persone, oltre al mio grazie, vorrei anche dire: ‹Complimenti, siete fantastici›.»

René Prêtre, cardiochirurgo pediatrico e «Svizzero dell'anno»

Röbi Koller

 

Un ringraziamento ad Annemarie Friedli, documentarista ed ex collega presso la Televisione svizzera

«Da ormai tre anni, accogli regolarmente a casa tua persone affette da handicap mentale. Quale famiglia di accoglienza per chi si trova in una situazione di crisi, offri a queste persone una sorta di ‹vacanza dalla malattia›. Con entusiasmo dividi con loro la tua quotidianità familiare, coinvolgendoli nelle conversazioni, nei lavori domestici e nelle attività ricreative, ad esempio portandoli al cinema. Il tuo impegno a favore delle persone in difficoltà è ammirevole. Grazie di cuore!»

 

Röbi Koller, presentatore televisivo